politica, filosofia, sport, cultura, economia, architettura Regola sempre la tua condotta domandandoti cosa succederebbe se tutti si comportassero come te, adegua il tuo comportamento a questa ideale legge universale e sappi che molto probabilmente morirai a vent’anni di esaurimento nervoso. | ArchiTutto | Carlo Mazzei | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

ArchiTutto
"Sono realista, per questo voglio l'impossibile"


Diario


28 marzo 2009

Regola sempre la tua condotta domandandoti cosa succederebbe se tutti si comportassero come te, adegua il tuo comportamento a questa ideale legge universale e sappi che molto probabilmente morirai a vent’anni di esaurimento nervoso.

Sono fortunato: ho comunque superato i vent'anni d'età!
La mia nuova ambizione, per cui lavoro e mi dimeno, è quella di riuscire a diventare "nessuno".
Questo mi pare un proposito sensato, un progetto che può riempire degnamente (indegnamente troppo spesso accade a chi vuole diventare "qualcuno") una vita.
Anche una vita insignificante come la mia (queste sono le prime frasi che conducono all'ambito traguadro: autodistruggere il mio essere).  




permalink | inviato da CarloMazzei il 28/3/2009 alle 14:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 92936 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Politica
Io?

VAI A VEDERE

Lalluzza
Daphne
On. Massimiliani (Marianna)
Compagno Bellu
Bellinu
Zia Giansi, la Sirena della Regione Lazio
Agnese (mi ama)
Nacamulli (mi ama anch'esso)
Esimio Avv. Pillitus
Il meridionale Pacella
Eugenio, il mio "degustatore" di fiducia, nonchè Capo responsabile del settore musicale
Quella Tempesta di Giulia
Gnappetta... ovvero Maradona se fosse donna
Giorgio Fano, la macchina fotografica vivente
Marta Puro
Baldini
Massimiliano Nespola
Marco Fotino (Fotinchio)
Max D'Alema
Testuggine!
Valerio. 'U calabru 'e Ostia!
Erano quatto compagni al bar che volevano sfasciare il mondo...
The eye




Il marinaio spiegò le vele al vento,
ma il vento non capì...



“Noi siamo convinti che il mondo, anche questo terribile, intricato mondo di oggi può essere conosciuto, interpretato, trasformato, e messo al servizio dell'uomo, del suo benessere, della sua felicità. La lotta per questo obiettivo è una prova che può riempire degnamente una vita.”

Enrico Berlinguer


Il calabrone per il suo elevato peso corporeo e per la ridotta apertura alare non potrebbe volare. Ma lui non lo sa. E vola.








 Colonna sonora del blog.
Album "Penguins" del 1977.
Jenny Bell è un autore canadese, notorio per aver mescolato una certa musica colta d'avanguardia inuit con il popolare pop-rock canadese. Questa canzone, tratta dal suo album "Penguins" del 1977, è forse la sua più famosa. Narra la storia di un povero pescatore innamorato che riflette solitario sui mali del mondo.


"La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è
il dubbio che vivere rettamente sia inutile".

 "La lontananza è il fascino dell'amore".

Corrado Alvaro (uno dei più grandi intellettuali italiani del '900)

Corrado Alvaro è nato a San Luca (1895 - 1956), riceve l'istruzione di base da suo padre Antonio, maestro elementare e fondatore d'una scuola serale per contadini e pastori analfabeti. Dopo aver terminato le scuole elementari,prosegue gli studi a Frascati, nel collegio di Mondragone retto dai Gesuiti: ne verrà espulso dopo gli iniziali cinque anni di ginnasio, perché sorpreso a leggere testi considerati proibiti. Nel '14 pubblica le sue prime poesie su "Il nuovo birichino calabrese"; l'anno successivo è chiamato alle armi. Ferito in combattimento alle braccia, è obbligato ad una lunga degenza nell'ospedale militare di Ferrara prima e poi di Firenze: dalla sua dolorosa esperienza di soldato, nascono le "Poesie grigioverdi" (1917). Su invito di Giovanni Amendola, è a Roma nel '22 per lavorare al "Mondo", in qualità di corrispondente da Parigi e, successivamente, di redattore; interviene, sovente, nella polemica politica e culturale, coraggiosamente non tacendo le proprie idee democratiche ed antifasciste. Nel '26 viene pubblicato in volume il suo romanzo d'esordio, scritto un lustro prima, "L'uomo nel labirinto"; nel '29 appaiono i racconti de "L'amata alla finestra", ispirati alla sua terra d'origine. E' del 1930 "Gente in Aspromonte"
, l'opera sua più celebre e celebrata, ove il realismo nella descrizione della vita calabrese si sposa felicemente ai toni sentimentali adoprati nel rievocare un universo popolare intriso di elementi magici ed arcaici. Seguono il romanzo "L'uomo è forte" (1938) e le novelle di "Incontri d'amore" (1940). Dal '40 al '42 è critico teatrale del "Popolo di Roma" del quale, dal 25 luglio all'8 settembre del '43, diviene direttore; costretto alla fuga dall' occupazione tedesca della città, trova rifugio a Chieti, dove si guadagna da vivere impartendo lezioni d'inglese. Tornato a Roma nel '44, fonda - assieme a Libero Bigiaretti e Francesco Jovine - il Sindacato nazionale degli Scrittori, di cui resterà segretario sino alla morte. Nel '46 licenzia "L'età breve", primo romanzo della trilogia "Memorie del mondo sommerso", poi completata da "Mastrangelina" (1960) e "Tutto è accaduto" (1961). Nel marzo del '47 assume la direzione del quotidiano di Napoli Risorgimento ma, pochi mesi più tardi, decide di dimettersi per divergenze ideologiche. In seguito, collabora alla sceneggiatura di "Riso amaro" (1949) di Giuseppe De Santis e, dal '49 al '51, è critico teatrale del "Mondo" di Mario Pannunzio. Da segnalare, ancora, il testo teatrale "Ultima notte di Medea" (1949), le pagine di diario raccolte in "Quasi una vita. Giornale di uno scrittore" (1950) ed il romanzo - rimasto incompiuto - "Belmoro" (1957).



"Quando fu il giorno della Calabria, Dio si trovò in pugno 15.000 chilometri quadrati di ar­gilla verde con riflessi viola. Il Signore promise bella della Califoa se stesso di farne un capolavoro e la Calabria uscì dalle Sue mani più rnia e delle Haway, più bella della Costa Azzurra e degli Arcipelaghi giapponesi. Diede alla Sila il pino, all'Aspromonte l'ulivo, a Rosarno l'a­rancio, a Scilla le Sirene, a Bagnara i pergolati, allo scoglio il lichene, all'onda il riflesso del sole, alla roccia l'oleastro, a Gioia l'olio, a Cosenza l'Accademia, a Catanzaro il damasco, a Reggio il bergamotto, allo Stretto il pescespada. Poi distribuì i mesi e le stagioni alla Calabria. Per l'inverno le fu concesso il sole, per la primavera il sole, per l'autunno il sole... A gennaio diede la castagna, a febbraio la pignolata, a marzo la ricotta, ad aprile la focaccia con l'uovo, a maggio il pescespada, a giugno la ciliegia, a luglio il ficomelanzano, ad agosto lo zibibbo, a settembre il ficodindia, ad ottobre la mostarda, a novembre la noce a dicembre l'arancia. Volle il mare sempre viola, la rosa sbocciante a dicembre, il cielo terso, le campagne fertili, le messi pingui, il clima mite, il profumo delle erbe inebriante...".

                                            Leonida Répaci, "Calabria grande e amara"

Leonida Repaci. Nato a Palmi nel 1898, amico e collaboratore di Antonio Gramsci, sarà guardia Rossa nell'Ordine Nuovo e quindi redattore dell'Unità (fino al 1926, quando sarà arrestato per attività antifascista).
Fondatore del Premio Viareggio nel 1929, ne manterrà la presidenza fino al 1985, anno della sua morte avvenuta a Roma.
Fra le sue opere spiccano il ciclo dei Fratelli Rupe (quattro romanzi composti fra il 1932 e il 1957) e i romanzi "L'ultimo cireneo" (1923), "La carne inquieta" (1930), "Il caso Amari" (1966).




Si dice che la tenacia dei calabresi vada messa a proverbio. Non so se queste genericità possono avere credito. La Calabria è scenario di un meticciato fra i più compositi. I geni primigeni si sono perduti fra sangue greco, romano, ebreo, barbaresco - cioè, turco, algerino, tunisino e marocchino -, quindi normanno, quindi francese, quindi spagnolo. Infine passarono i Mille di Garibaldi, per non dire di quel che c'era stato al seguito del cardinale Ruffo.
Più che la tenacia, su quelle coste, per quei monti e quelle crete, ha allignato l'ombrosità, il rancore, la paura, un fosco coraggio che ha del ferino, magari un'improvvisa generosità, e un segreto imperio della sensualità o della bellezza fisica, della natura. Ma anche l'egoismo.
Questi sentimenti si aprono nell'animo del calabrese come si possono aprire d'un colpo le vele ad un bel tiro di vento, ma poi sparire come una nuvola diafana al soffio della brezza. Al calabrese, di tutto questo, gliene resta il sapore in bocca, la malinconia - ed è la malinconia che, con verità e continuità, gli marca lo sguardo e, per un verso misterioso, lo tiene in vita.
In Calabria non ci furono vicerè come a Palermo: niente città capitale. Forse consacrata dalla leggenda della tomba di re Alarico nel Busento, Cosenza conquistò una dignità architettonica, intellettuale. I Telesio e i Campanella furono fari luminosi, ma altrove. Allo stesso modo i baroni del luogo: non ci pensavano due volte ad andarsene a Napoli, a corte, e là sprecare vita e denari.
La Calabria è un crogiolo di anonimati che si sfarina. Qualche castello, qualche palazzo di stile spagnolesco ma devastato dall'incuria. Rarissime biblioteche di famiglia, spesso disperse dal figlio spurio, fatto nescere a casaccio dal ventre della serva, che il destino - o ancora il caso?- vuole si impossessi di tutto senza avere testa di fare tesoro di quanto gli è arrivato fra le mani.
In Calabria non ci sono fiumi ma fiumare. Letti di sassi gettati sotto il sole dentro cui per mesi può scorrere un rigagnolo fangoso o niente, e d'improvviso, con un temporale, farsi corrente tempestosa d'acqua e di schiuma che scivola fuori del solco e fa brodo, se può, oltre le righe dei canneti in argine, impantanando i campi di granoturco spelacchiato.

                                                    Enzo Siciliano, "La vita obliqua"

Enzo Siciliano, (1934 - 2006). Romanziere, critico, direttore della rivista "Nuovi Argomenti" è stato uno degli intellettuali italiani più importanti del '900. 
Della sua ricca e variegata produzione si ricorda: "La notte matrigna" (1975), "La principessa e l'antiquario" (1980, premio Viareggio), "Carta blu" (1992), "I bei momenti" (1997, premio Strega 1998), "Non entrare nel campo degli orfani" (2002) e "Il risveglio della bionda sirena" (2004).        




Arriva il momento in cui devi scegliere: o la via più giusta o la via più facile.



Quando tu stesso puoi essere il tuo miglior pubblico 
  e quando il tuo applauso è il miglior applauso, allora sei in ottima forma.
 
                                        Ron Hubbard



Il successo non è definitivo, il fallimento non è fatale: ciò che conta è il coraggio di andare avanti.
                                            Winston Churchill







Classifica colonne sonore del blog.
1. I Nomadi, C'è un re.
2. Metallica, Battery.
3. Beach Boys, Wouldn't it be nice.



CERCA